Seleziona una pagina

Quello tra John e il suo compagno sembra un comune rapporto di coppia: un consolidato ménage familiare non privo di contrasti dovuti anche alla differenza d’età e status sociale (quasi dieci anni più giovane il primo, affermato broker il secondo) che viene però improvvisamente messo in discussione da una clamorosa rivelazione di John. Il giovanotto ha infatti conosciuto una ragazza con cui ha fatto sesso e un’avventura senza conseguenze si sta trasformando in un sentimento ben più importante. Per John ha quindi inizio un doloroso processo interiore che va oltre la pur difficile scelta tra il partner e la donna ma che mette in gioco la sua stessa identità. Con mossa a sorpresa, la invita a cena, figurandosi che, vedendo impegnati in un confronto-scontro diretto gli antagonisti, gli sia poi più facile decidere. Inevitabile quindi lo scatenarsi tra i due di una lotta senza esclusione di colpi per assicurarsi l’amore e la convivenza dell’oggetto del desiderio: comprensibile che quello più a rischio chiami a sostenerlo il volitivo padre. L’happy end è solo apparente: in realtà il finale è quanto mai aperto. Cock, testo senza sconti dell’inglese Mike Bartlett, vede in scena Fabrizio Falco (John), Margot Sikabonyi, Jacopo Venturiero e Enrico Di Troia, eccellenti nel mantenere alta e costante la tensione drammaturgica, mentre Silvio Peroni firma una regia essenziale e incisiva. Prime tappe della tournée a L’Aquila (Parco delle Arti) dal 15 al 17 aprile e a Imperia (teatro Cavour) il 24/4.

In 30 anni di carriera Eraldo Moretto (origini veneto-calabresi, accento milanese) ha attraversato cabaret (lo storico Zelig), teatro e televisione (Striscia la notizia e Pomeriggio 5) inventandosi un personaggio en travesti, la Cesira, che riscuote successo tra un pubblico decisamente trasversale con il quale interagisce e improvvisa. Sia che si cali nei panni di una portinaia pettegola in cerca di marito o in quelli della vamp di periferia che sogna il red carpet, le sue battute salaci e irriverenti lasciano sempre il segno. Nella nuova commedia musicale La Cesira superstàaar si trova a dover gestire una pensione che una vecchia zia le ha lasciato in eredità: ritrovandosi piena di debiti e senza clienti, si risolve a chiamare in aiuto le sue ex colleghe drag queen promettendo loro di allestire uno show rutilante. Sa benissimo di non poter mantenere la promessa e sogna invece di essere chiamata a partecipare a uno dei tanti talent televisivi che le possa finalmente regalare fama e denaro. La regia dello spettacolo è del veterano Rino Silveri, sodale artistico di Piero Mazzarella, e il palcoscenico è quello del teatro Nuovo di Milano che lo ospita dal 21 al 26/4.