Seleziona una pagina

Tre anni. Tanto è stato necessario a Salvatore De Falco, collaboratore delle testate Raropiù e Musical News, per produrre e realizzare un tributo singolare, quello dedicato a Ivan Cattaneo per i suoi 40 anni di carriera. Un tipo atipico #tributoivancattaneo è uscito il 25 agosto sulle piattaforme digitali e sarà disponibile nei negozi in supporto fisico come doppio CD il 18 settembre, pubblicato per la neonata Soter.

“L’idea – dice Salvatore – ha preso forma anni fa, durante il rilancio di Ivan con Music Farm. Lo star-system faticava a riconoscere tutto il talento avanguardistico di Ivan: molto più comodo ricorrere alle cover e propinarle in tutti i modi, anche in tv”. Su Pride abbiamo più volte avuto modo di evidenziare la capacità di Ivan di anticipare i tempi, anche tramite ciò che lui stesso ha definito il concetto di multimedialità, la TUVOG, l’arte totale dei cinque sensi, associando nelle sue opere musica, video e testi.

Dice ancora Salvatore: “Non sopportavo che il suo cantautorato venisse soffocato dalle cover e dal ricordo anni ‘80 come personaggio stravagante. Giuseppe Russo Spena mi ha suggerito di creare un’etichetta ad hoc per l’occasione”.

L’intento è quello di ridare linfa vitale ai primi brani d’autore di Ivan rivisitandoli e riportando alla luce tante canzoni messe in ombra dal successo che Cattaneo aveva ottenuto con gli album di cover anni ’60.

Alla realizzazione di questo progetto hanno partecipato con entusiasmo una trentina di artisti di tutto rispetto tra cui Garbo, Gianni Leone (già Balletto di Bronzo), Banda Osiris, Montefiori Cocktail, Egokid, Susanna Parigi, H.E.R. e Naif Herin (la sua cover di Formica d’estate è divenuta anche un clip). Alcune canzoni sono state affidate direttamente ad altrettanti interpreti secondo il loro stile: è il caso ad esempio dei Pennelli di Vermeer con Maria-Batman, Roby Rossini con Pupa, la già citata Naif Herin, Banda Osiris con Uffa!, Montefiori Cocktail con Tabù, sigla della trasmissione omonima, e ciliegina sulla torta, un rarissimo Gianni Leone con Polisex. Qualcun altro ha scelto la propria canzone da reinterpretare perché profondo conoscitore del repertorio di Ivan (Garbo con Scarabocchio, Luca Urbani & Stylòo con Boys & Boys, Alessandro Orlando Graziano con Pomodori da Marte, H.E.R. con Odio & amore).

Interpretazioni che permettono di riscoprire testi poetici e attuali che gridano vendetta nei confronti degli ombrelloni, della salsedine e delle “magliette fine”: “Per dimostrare che Ivan, nonostante l’evidente tratto avanguardistico e sperimentale, è un Artista per tutti, al di là del clamoroso successo ottenuto con le cover.