Seleziona una pagina

Certe icone non si tributano, si omaggiano. Così Riki Cellini (rikicellini.it) nei confronti di Miss Rettore. Il 9 ottobre esce Eroe, il singolo che anticipa il nuovo album del cantautore varesino dedicato a una delle icone italiane di sempre, Rettoriano. A quattro anni da quel Trallallero Live, registrato per i suoi 20 anni di carriera insieme agli amici di sempre, Aida Cooper, Attilio Fontana, Viola Valentino, Dario Gay e ai jazzisti Valerio Baggio e Alberto Venturini, Riki Cellini torna con nove brani e un inedito della irruente cantante, arrangiato da Michele Gentilini; un mix di pop, elettronica, rock per una track list non convenzionale che vedrà la luce il prossimo gennaio: “Sono cresciuto a Rettore, amore e fantasia e credo sia la cantautrice più innovativa e all’avanguardia del panorama musicale italiano, ancora oggi con uno sguardo avanti”. L’intenzione è quella di dare spazio alla vena più cantautorale di Rettore, senza però dimenticare l’ironia e le intuizioni che l’hanno resa grande.

Alex Palmieri - Nicholas got a secret 01Generazioni a confronto. Nei giorni scorsi è uscito Nicholas’ Got A Secret, la canzone che fa da apripista al nuovo album di Alex Palmieri (alexpalmieriofficial.com), previsto entro fine novembre: “Ho voluto sperimentare nuove sonorità, più pop rock rispetto alla musica dance che ho prodotto ad oggi, con chitarre elettriche ed una batteria suonata dal vivo”. Il video narra la fugace avventura tra il cantante e Nicholas, il personaggio misterioso che per Alex tradirà la propria compagna. Il nuovo album  seguirà in linea questo brano, raccontando – come ha già fatto nel recente passato – le esperienze della web star senza più censure: “Ho voluto raccontare questo mio breve vissuto perché ancora troppe persone oggi si nascondono dietro false identità”. Emblematica la foto promo del video in cui un individuo sconosciuto “si prona” alle esigenze del cantante.

Generi a confronto. Esce questo mese il nuovo album dei Well-Strung (nella foto) (well-strung.com), una boy band (gay) newyorkese alquanto originale; un quartetto d’archi formato da quattro aitanti ragazzotti che cantano e suonano brani classici alternandoli a rivisitazioni di famosi brani pop. Da Mozart a Vivaldi, passando per Rihanna, Adele e Lady Gaga. Il nuovo POPssical spazia dal rock degli U2 (With Or Without You), al cantautorato intimo di Leonard Cohen (Hallelujah), finanche al pop dei Black Eyed Peas (I Gotta Feeling) e di Carly Rae Jepsen (Call Me Maybe). Un connubio tra differenti generi musicali, con la supervisione della musica classica e del bel canto. Per accontentare tutti i gusti, ma soprattutto, non solo per le vostre orecchie, tanto che il violinista Chris Marchant afferma di aver perso da tempo il conto delle volte che al quartetto è stato offerto di esibirsi come madre natura li ha fatti… parafrasando i Pet Shop Boys “Don’t have to be beautiful but it helps”.